PARTE 1: ORIGINI

 

COS’E’ L’ASSENZIO..?

Nacque in Svizzera a metà del 1700 a scopo curativo e medico. Gli Egizi, i Romani e i Greci utilizzavano questa pianta per i suoi effetti benefici all’apparato digerente. La Francia con le distillerie Pernod si prese il merito di aver portato questo prodotto al successo. A metà del 1800 poi la sua produzione crebbe in maniera esponenziale, arrivando in Francia a circa 20.000 litri prodotti al giorno!
Perchè tanto successo? Perchè costava poco rispetto agli altri distillati o vini francesi.. Ma il vero successo dell’Assenzio inizia con la guerra in Algeria, dove questo prodotto veniva consumato dai soldati francesi nella misura di una bottiglietta al giorno, poichè l’acqua dei pozzi africani doveva necessariamente essere ripulita, per evitare malattie e contagi. L’uso del prodotto poi si espanse oltre al campo di guerra, diventato il prodotto più consumato nella Belle Epoque.

…. Nel 1905 però ci fu un fatto tragico che portò nel 1910 l’assenzio ad essere bandito dal commercio in Svizzera: cosa successe? Un padre di famiglia ritornando a casa sterminò moglie e figli.. Quando lo interrogarono si accorsero che era in preda ad un delirio per aver consumato una quantità eccessiva di assenzio. Giudicarono così questo prodotto nocivo e pericoloso per le persone e l’ordine pubblico. Non si vietò mai la produzione, si impose però di cambiare la ricetta per rimetterlo in circolazione, infatti ancora oggi possiamo assaggiare la ricetta nuova rispetto all’epoca dell’assenzio.

Se lo vuoi provare hai la possibilità di scegliere molti prodotti in commercio ad oggi, come:

Artemisia Distillerie con i prodotti:
– Charlotte
– Angelique Verte Suisse
Absinthe La Valote Martin Sàrl con i prodotti:
– La Belle Epoque
– L’Originale
Absinthe Bovet La Valote con i prodotti:
– Le Chat
– Nostalgie
Distillerie du Val de Travers / Christophe Racine con i prodotti:
– La Fine Clandestine
– La Fine Verte

 

 

 

ASSENZIO PARTE 2:  I MITI

“L’assenzio ti rende pazzo e criminale, provoca epilessia e tubercolosi e ha ucciso migliaia di francesi. Rende una bestia feroce dell’uomo, un martire della donna e un degenerato del bambino. Disorganizza e distrugge la famiglia e minaccia il futuro del Paese. ”
Recitava il Temperance Petition nel 1907…

Miti, storie e leggende si sono dette e si continuano a dire sull’assenzio, rendendolo ancora oggi un prodotto misterioso e ricercato. In realtà ci sono tante dicerie in giro.. L’assenzio nasce ad uso medico come tanti altri prodotti, non è migliore nè peggiore di tanti altri… Visto che la magia affascina sempre tutti, nel sonno ieri notte (dopo una bella bevuta di assenzio) ho interrogato proprio lui in persona: L’ABSINTHE per sfatare qualche mito ancora attuale…

  1. E’ VERO CHE PROVOCHI ALLUCINAZIONI?
    “Ma direi assolutamente di no. Però so che di me si diceva che contenessi il “tujone”, una sostanza tossica che appunto è in grado di provocare allucinazioni. Ma io in realtà sono privo di tujone… Credo si sia inventato tutto ai fine del marketing e del commercio, per influenzare il popolo.”
  2. E’ VERO CHE SEI ILLEGALE NEGLI STATI UNITI?
    “No, sono stato vietato per un periodo, ma ora che la ricetta è regolamentata nei suoi ingredienti posso essere bevuto da tutti!”
  3. E’ VERO CHE PER CONSUMARTI DEVI ESSERE SERVITO CON UNA ZOLLETTA DI ZUCCHERO FIAMMEGGIANTE?
    “Assolutamente no, non ci deve essere nessuna fiamma per carità! Il metodo corretto della mia consumazione è: far scendere da una fontanella dell’acqua ghiacciata che cadrà su un cubetto di zucchero nel cucchiaino appoggiato al bicchiere contenente l’assenzio. Lo zucchero si scioglierà nell’assenzio liquido.. Se vuoi provarmi fai cosi! E’ raro trovare nei locali la fontanella apposita per consumarmi (quella che vedi nella foto qui sotto), ma se la trovi buon assaggio!”

 

 

 

 

Sei pronto per il viaggio? 🙂

 

TI E’ PIACIUTO L’ARTICOLO? SCOPRI ANCHE GLI ALTRI DEL MAGAZINE CLICCANDO QUI!!