Il French Connection cocktail è un interessante after dinner dal gusto dolce e deciso, con solo due ingredienti semplici: il Cognac e il liquore Amaretto.

Un classico della miscelazione di altri tempi che oggi ha perso un po’ il suo fascino, fu codificato per diverso tempo nel repertorio IBA già dall’anno 1987. 

 

Quali sono le sue origini? 

 

Parrebbe nasca da una riunione a Briancon di baristi francesi ed italiani dopo la neonata IBA. La commissione di tale riunione fu preceduta da mr. Alan Ghandour per la parte francese e da Luigi Parenti per quanto riguardava l’Italia. In segno di unione tra le due forze alleate si decise di creare questo cocktail con una base alcolica, il Cognac, che richiamava la Francia ed una base alcolica, l’Amaretto di Saronno, che rappresentava la nostra Italia.

Il nome dunque “French Connection” rappresenta questa connessione italico-francese, ma è anche una sofisticata citazione riferita alla mafia criminale corso-francese attiva proprio negli anni del periodo 50’- 60’. 

 

 

La mafia corso-francese

 

Negli anni 50’ e 60’ il gruppo di mafiosi facente parte della criminalità organizzata corso-francese con sede a Marsiglia, si occupava del traffico di eroina con gli Stati Uniti. 

A quel tempo negli Stati Uniti d’America era nato il cocktail “Godfather”, a base di whiskey e Amaretto di Saronno, un drink che omaggiava sempre la criminalità organizzata, nello specifico fu dedicato al famoso padrino mafioso di Corleone.

 

Possiamo definire dunque il French Connection, come il Godfather americano, un altro cocktail della categoria “gangster drink”. 

 

Esiste una variante al French Connection?

 

Si parla del cocktail “Italian Connection”, con l’utilizzo del Brandy al posto del Cognac. 

Il Brandy si ottiene in tutto il mondo poiché viene prodotto dalla distillazione del vino. Infatti, dopo un periodo di invecchiamento in botti, il vino viene sottoposto al processo di distillazione tramite alambicco ricavandone acquaviti che arrivano fino al 72% di alcol. Per il Brandy si utilizzano sia vini bianchi, che rossi o rosati.

 

 

RICETTA FRENCH CONNECTION 

3.5 cl di Cognac

3.5 cl di Amaretto

 

PREPARAZIONE: 

Versare gli ingredienti della ricetta in un bicchiere old fashioned, con ghiaccio. Mescolare delicatamente e servire senza guarnizione. 

 

 

RICETTA ITALIAN CONNECTION

3.5 cl di Brandy

3.5 cl di Amaretto

 

 

Per scoprire la storia anche del drink God Father collegati QUI

 

Scopri le altre storie di drink QUI