“Riempite un bicchiere old fashioned con del ghiaccio e lasciatelo raffreddare. Svuotate il ghiaccio in un secondo bicchiere old fashioned ma più piccolo. Nel primo bicchiere aggiungete lo zucchero, l’acqua e il bitter. 

Con un piccolo pestello o un cucchiaino, rompete la zolletta di zucchero fino a farla sciogliere completamente nell’acqua e nel bitter. Aggiungete il rye whiskey e mescolate. Versate il contenuto del primo bicchiere nel secondo bicchiere pieno di ghiaccio. Aggiungete l’assenzio nel primo bicchiere e fate roteare il bicchiere su se stesso per cospargerlo bene. Buttate via l’assenzio restante. Filtrate il contenuto del secondo bicchiere nel primo profumato d’assenzio. Guarnite con una scorza di limone dopo per la spremuta sul bicchiere.”  

 

(Fonte: Viaggio di Spirito)

 

Questa preparazione appena citata a quale cocktail corrisponde?

 

Te lo svelo subito! In realtà si tratta di un drink molto famoso ma forse oggi non tanto conosciuto ed apprezzato dai bevitori, perché si è perso un po’ la sua storia. Dunque cercherò di rinfrescarla in questo articolo ripercorrendo le tappe della sua nascita. 

Il drink di cui sto parlando si chiama Sazerac!

 

 

La storia inizia nel 1834 quando i soci di Schweppes misero in commercio una bevanda che mescolava la soda con il succo fresco di limone, chiamata Original Bitter Lemon. Questa bevanda fu creata per coprire l’eccessiva richiesta di limoni che venivano usati sulle British Royal Navy, durante le guerre napoleoniche (1803-1815), in cui venivano somministrate ingenti quantità di limoni all’equipaggio per combattere lo scorbuto, malattia molto diffusa all’epoca.

 

Nello stesso periodo, il dottor Johann Gottlieb Benjamin Siegert, chirurgo e medico per il leader rivoluzionario Simòn Bolívar, creò un amaro per aiutare l’appetito e la digestione delle persone che vivevano nel clima tropicale. L’amaro venne chiamato con il nome di “Amargo Aromatico”. 

 

Successivamente, venne presentato un bitter realizzato da Antoine Amedée Peychaud, noto farmacista di New Orleans, che era in grado di prevenire l’indigestione tipica delle popolazioni abitanti nei climi caldi ed umidi. 

 

 

Peychaud, per diffondere il suo amaro tonico, creò una bevanda a base di brandy, zucchero ed un goccio del suo bitter, che veniva servita in un “coquetier” (un portauovo in cui nel 1850 si servivano i drink). 

 

Nel 1850 la ricetta del farmacista Peychaud venne utilizzata dalla Sazerac Coffee House, sostituendo il costoso brandy con un più economico rye whiskey.

 

La bevanda inventata dal farmacista diede origine al famoso cocktail nominato “Sazerac”. 

 

 

Sazerac 

1 zolletta di zucchero

1 cucchiaino di acqua fredda

2 gocce di Peychaud’s bitter

90 ml di rye whiskey

1 cucchiaino di assenzio 

 

Sul finire del decennio, il farmacista Peychaud entrò in produzione con il suo “American Aromatic Bitter Cordial”, oggi prodotto dalla Sazerac Company. 

 

 

SCOPRI ANCHE GLI ALTRI ARTICOLI DEL MAGAZINE QUI!