Grattacielo Intesa Sanpaolo, Corso Inghilterra 3
011 438 7800
info@piano35.com
SERVIZI: Eventi, Ristorazione
VALUTAZIONE: Strawow
TIPOLOGIA: Lounge Bar
Grattacielo Intesa Sanpaolo, Corso Inghilterra 3
011 438 7800
info@piano35.com
SERVIZI: Eventi, Ristorazione
VALUTAZIONE: Strawow
TIPOLOGIA: Lounge Bar

Arte, storia, architettura, grandi spazi e visione mozzafiato presso il più alto grattacielo di Torino, il Grattacielo Intesa San Paolo con il lounge bar Piano 35

7.000 m2 di grattacielo progettato da Renzo Piano, alimentato solo con fonti rinnovabili e pannelli fotovoltaici, il Grattacielo Intesa San Paolo domina la città di Torino, con una vista che riesce a raggiungere anche le più lontani Alpi. 

Il grattacielo oltre i 27 piani operativi adibiti ad uffici, ha presente al suo interno nei piani più alti tre livelli accessibili al pubblico con ingresso dedicato: il ristorante, la sala per eventi privati e meeting ed infine il lounge bar. 

Il ristorante Piano 35 è in gestione a Chef Marco Sacco, che nel corso negli anni è riuscito a collezionare 2 Stelle Michelin con il locale Piccolo Lago di Verbania. Piano 35 è avvolto dalla bellezza della serra bioclimatica inserita allo stesso livello nel grattacielo, così che gli ospiti del ristorante, attraverso le ampie vetrate, possano respirare un clima di relax per la mente, per la vista e per i sensi. 

Al Piano 35 Chef Sacco porta dunque la sua maestria e doti acquisite in anni e anni di lavoro ed esperienza dentro la cucina di grandi ristoranti, offrendo al suo pubblico una ristorazione di alto livello ma sempre legata alle proprie origini piemontesi. 

Chef Marco Sacco

Chef Marco Sacco, nel 2019, decide di coinvolgere una tra i maestri del bartending italiano, non è un uomo stranamente 🙂 ma è una donna, diventando la protagonista del lounge bar: Cinzia Ferro!

Cinzia è originaria di Varese e da anni ha in proprietà il noto locale di Verbania, sul Lago Maggiore, il cocktail bar Estremadura Caffè. Il suo amore ed arte nella miscelazione in aggiunta all’amicizia di ben 18 anni con Chef Sacco, crea la formula perfetta per la gestione di Piano 35, il lounge bar di Grattacielo Intesa San Paolo. 

Cinzia Ferro e Marco Sacco

Ed ecco che cocktail e food si fondono in una scoperta di gusti, sapori, cultura, qualità, per servire gli ospiti di Grattacielo Intesa San Paolo con un’offerta all’altezza della location. 

Tra la serra bioclimatica, un’oasi a 150 metri di altezza e di ben 15.000 metri cubi di spazio, a tre livelli sono situati il Ristorante “Piano 35” di Chef Sacco al 35° piano precisamente, l’area meeting ed eventi al 36° piano chiamato “Spazio Trentacinque”, ed infine il “Lounge Bar” al 37° piano, il regno di Cinzia Ferro.

Veniamo alla miscelazione del Lounge Bar! 

La cocktail list è davvero unica ed originale, c’era da aspettarselo da Cinzia che porta una ricca miscelazione di sapori, di concetti e di tecniche dall’Estremadura Caffè di Verbania. 

La drink list è dedicata al concetto di valorizzazione della serra bioclimatica posta al 35° piano del grattacielo, unendo una ricerca di piante, fiori e botanicals dei giardini di Torino con gli ingredienti e gli aromi utilizzati nei cocktail. 

La seconda parte del menù invece è un omaggio a Torino ed ai suoi monumenti storici ed artistici, come la Mole Antonelliana e il Museo Egizio.

Si chiude poi con 6 signature cocktail di Estremadura Caffè che Cinzia porta al Pinao 35°.

La cosa che mi ha davvero colpita è l’attenzione che si pone veramente al cliente e alle sue diversità, per esempio declinare ogni concetto e racconto del menù in versione analcolica, che significa comprendere che non tutti bevono alcol ma che tutti hanno interesse a sentirsi partecipi di un tavolo al bar con amici e non vogliono accontentarsi di un succo di frutta.

E’ per questo che Cinzia ha declinato ogni racconto del menù in 3 versioni:

  1. ALCOLICO
  2. ANALCOLICO
  3. HOT DRINK

Ricordandosi che tutti hanno diritto di essere accontentati con un giusto livello qualitativo, anche chi non beve alcol. Gli hot drink sono stati inseriti perchè nella stagione invernale fa parecchio freddo a Torino e viene voglia di scaldarsi, ricordandosi anche che il lounge bar si trova all’interno della serra bioclimatica ed è riscaldato solamente con lampade termiche, perciò può essere fresco non essendo riparato da mura o vetri, come accade al ristorante al piano inferiore. 

Passiamo agli assaggi!! Sei curioso/a?

Il primo cocktail si chiama “Al Ra” in omaggio al Museo Egizio di Torino ed è in versione alcolica. Il Museo Egizio è il più antico ed importante nel mondo della civiltà nilotica ed è considerato, per valore e quantità dei reperti, il più importante al mondo dopo quello del Cairo.

INGREDIENTI “AL RA” DRINK:

Tea nero speziato

Decotto al fieno greco

Liquore al cumino

Sciroppo al tamarindo

Arrack old Reserve

 (dallo Sri Lanka è una miscela di acquaviti distillate dalla linfa del fiore della palma da cocco)

Leggendo gli ingredienti si capisce molto bene la ricercatezza e la complessità del cocktail, con materie prime particolari ed anche difficili da rintracciare sul nostro territorio. Posso però garantire che all’assaggio ho trovato un gusto sicuramente notevolmente diverso dai drink di altri cocktail bar, per la presenza soprattutto della speziatura e di note di gusto davvero particolari, ma il risultato è amabile e comprensibile nonostante la sua complessa struttura di ingredienti. Un bilanciamento favoloso! 

Il secondo drink in assaggio è un analcolico e rende omaggio ad uno degli elementi fondamentali della serra al 35° piano: la lavanda. Il drink “La Sig.ra Vanda” è una valida alternativa di qualità per chi non beve alcol. 

INGREDIENTI “LA SIG.RA VANDA” DRINK:

Spremuta al lime

Bancha tea

Giulebbe alla lavanda

Erba salvia

Tonic water

Fresco, aggraziato e delicato!

Concludo ahimè la degustazione e la conoscenza di Cinzia e del suo magnifico cocktail bar con il drink “Inverno 1889”, un hot drink perfetto ed originale per scaldarsi all’interno della serra dopo il freddo invernale della città!

Inverno 1889 è dedicato al monumento Mole Antonelliana., simbolo storico di Torino:

 

“Il nome deriva dal fatto che, in passato, fu la costruzione in muratura più alta del mondo, mentre il suo aggettivo deriva dall’architetto che la concepì, Alessandro Antonelli. Tuttavia, nel corso del XX secolo, subì importanti ristrutturazioni con cemento armato e travi di acciaio, per cui essa non può più considerarsi una struttura esclusivamente in muratura.

Con un’altezza di 167,5 metri, fu l’edificio in muratura più alto del mondo dal 1889 al 1908. Per anni fu l’edificio più alto di Torino, ma oggi, dopo la costruzione di altre due moderne torri, resta l’edificio più alto del solo profilo centrale urbano della città. Dall’anno 2000 al suo interno ha sede il Museo nazionale del cinema.”

Il drink si presenta con un colore ed un profumo super invitante, non vedo l’ora di scaldarmi tutta!

INGREDIENTI “INVERNO 1889” DRINK:

Vino passito

Brandy Magna Mater Branca

Zafferano

Infuso alla frutta

Timo

Devo ringraziare di cuore Cinzia Ferro per avermi fatto vivere questa magia e questo viaggio tra i sapori botanici della città di Torino, in una location davvero da togliere il fiato, soprattutto se ti affacci al parapetto della terrazza del grattacielo! 

Piano 35

Grattacielo Intesa Sanpaolo, Corso Inghilterra, 3, 10138 Torino TO

Telefono: 011 438 7800

 

Consigliato per: APERITIVI e DOPO CENA

Tipologia e prezzi locale: COCKTAIL BAR e RISTORANTE 💰💰💰

VALUTAZIONE COMPLETA BAR

 

SCOPRI GLI ALTRI LOCALI A TORINO QUI!