L’Irish Coffee è perfetto per riscaldare una gelida serata invernale e, per la sua piacevolezza, può essere bevuto anche dai non amanti del whisky! 

 

È tra i più famosi drink corroboranti della storia della miscelazione, ma quando nasce?

 

Si racconta nasca all’aeroporto di Shannon, l’Irlanda sulla costa atlantica, in una fredda notte d’inverno per merito del barman Joe Sheridan. 

Era freddo e il riscaldamento della sala d’attesa dell’aeroporto si interruppe improvvisamente, lasciando le persone che attendevano il loro volo transoceanico senza un caldo calore. Fu così che il barman, per alleviare la noia e dare energia ai passeggeri, creò una miscela composta da un lungo caffè dolcificato con zucchero di canna, whisky irlandese e panna.

 

Si dice che il barman Sheridan in realtà non creò nulla di nuovo, ma accolse la richiesta di un passeggero americano che gli domandò se al posto di ricevere la classica bevanda irlandese, a base di whisky e the forte, potesse sostituire il the con il filter coffee. La crema di panna fu usata come ingrediente ulteriore per dare carica, energia e bontà al delizioso drink. 

 

Questa storia divenne famosa tanto da creare un liquore ispirato all’Irish Coffee da bere on the rocks che prende proprio il nome del suo inventore, ovvero Sheridan.

 

 

Dall’aeroporto di Shannon, grazie all’incontro nel 1952 con un giornalista e scrittore di viaggi del San Francisco Chronicle, l’Irish Coffee arrivò anche in America. Il giornalista, Stanton Delaplane, quando lo assaggiò rimase piacevolmente colpito dal drink e decise di importare questa specialità irlandese nel suo locale preferito a San Francisco, il Buena Vista Cafè. 

 

Ci sono delle varianti a questo drink? 

 

Le varianti più famose che si possono citare sono il French Coffee, dove al posto del whisky irlandese si utilizza il cognac o il calvados, oppure l’American Coffee in cui viene sostituito il whisky con il bourbon. 

 

Come servire l’Irish Coffee? 

 

È necessario usare un bicchiere adeguato con una buona impugnatura, una tazza con manico o un bicchiere con piede, in vetro trasparente di un diametro che non superi 5 cm. L’altezza e la larghezza del bicchiere possono essere variabili. Prima di versare gli ingredienti dentro al bicchiere, un passaggio fondamentale è quello di scaldarlo versando dell’acqua calda al suo interno.

 

RICETTA IRISH COFFEE

50 ml Irish Whisky

120 ml Caffè caldo

50 ml Panna fresca 

1 cucchiaino Zucchero

 

 

PREPARAZIONE

Versa il caffè nero caldo in un bicchiere preriscaldato. Mescola il whisky con un cucchiaino di zucchero fino a quando non si è sciolto ed aggiungi gli ingredienti al caffè. Versa la panna fresca e densa con cura sul dorso di un cucchiaio tenuto appena sopra la superficie del caffè dentro al bicchiere. Lo strato di crema galleggerà così sopra al caffè senza mescolarsi.

 

 

VARIANTE FRENCH COFFEE

5 cl Cognac

1,5 cl Sciroppo di zucchero semplice

8 cl Caffè lungo

8 cl Panna liquida

 

 

VARIANTE AMERICAN COFFEE

1 ½ oz di Bourbon

½ oz di zucchero liquido grezzo (o da 1 a 1½ cubetti di zucchero)

4 once di caffè preparato fresco

1 oz di panna