RTD è l’acronimo per definire i “ready to drink”, ovvero i miscelati pronti da bere. Lo raffreddi, lo stappi e lo consumi, anche per strada, è facilissimo!

 

“Le vendite di RTD (da un anno all’altro) sono aumentate del 22% portando ai blocchi primaverili. Tuttavia, da allora quel numero è salito a un’enorme crescita del 90%. E non sembra esserci alcun segno di rallentamento di tale tendenza.” Spiega Nielsen Research.

 

Sono diversi i distillatori e i grandi produttori nel mondo che hanno ampliato il loro portafoglio prodotti a favore dei ready to drink, con una diversificazione di gusti e caratteristiche molto allettanti per il consumatore. 

Un esempio è il famoso marchio di whiskey Jack Daniel’s che ha introdotto sul mercato le comode lattine di Jack & Cola e Jack Honey and Lemonade spiegando che: 

“Ogni bevanda è perfettamente bilanciata per esaltare i sapori del nostro whisky alla carbonella in un formato beverino e conveniente; questo è il vero Jack ed è pronto per l’uso”, afferma Lisa Hunter, direttore del marchio Flavors di Jack Daniel.

 

 

Absolut Vodka invece compare in più versioni di gusti, sempre rigorosamente in lattina, proponendo il suo marchio con Mango Mule, Berry Vodkarita e Grapefruit Paloma.

“Realizzata con l’originale Absolut Vodka, la nuova linea di vodka e cocktail pronti da bere soddisfa la domanda dei consumatori di praticità senza compromettere la qualità”, afferma Regan Clarke, vicepresidente dei marchi di connettori millennial di Pernod Ricard USA.

Ci sono poi i cocktail realizzati con ingredienti biologici di One Organic Cocktails, a base di: vodka, vero succo, estratti botanici, senza conservanti artificiali. One Sparkling Cocktail propone più gusti, ovvero Pear of Roses, Basil Berry Fizz, Mediterranean Pearl e Cucumber Therapy.

“Il nostro consumatore vuole un cocktail dal gusto leggero ma complesso”, afferma Allison Evanow, fondatore e CEO di Square One Organic Spirits. 

Tanqueray Gin ha annunciato Tanqueray Crafted Gin Cocktails in arrivo in lattina! Con le ricette originali di Charles Tanqueray usciranno diversi cocktails con il gin Tanqueray pronti per essere serviti in un bicchiere colmo di ghiaccio. Saranno così disponibili tre varianti tra cui Tanqueray Gin & Tonic, Tanqueray Rangpur Lime Gin & Soda e Tanqueray Sevilla Orange Gin & Soda.

 

Anche Bombay Sapphire ha presentato il suo ready to drink, si chiama Bombay Sapphire & Tonic Ready-to-Drink e consente a tutti di gustare un Gin & Tonic Premium creato con Bombay Sapphire ovunque e in diversi luoghi.

 

 

In Italia tanti sono già i diversi ready to drink che si trovano in commercio, dagli stessi bar che offrono i loro miscelati alle più grandi realtà come NIO Cocktails e Spirito Cocktails che hanno fondato il loro business su questo specifico prodotto. Tuttavia i formati che si trovano di più sono il vetro, le bottigliette di plastica o le buste di drink che apri e versi direttamente nel bicchiere. 

 

Per le lattine ready to drink che competono con gli avversari esteri si può citare il noto marchio Disaronno, che infatti ha lanciato sul mercato il suo Disaronno Sour – ready to drink, miscelato con il celebre liquore e con il dissetante succo di limone.

 

Anche Martini ha deciso di avere il suo RTD con il cocktail Fiero & Tonic, la lattina da 250 ml che sarà inizialmente messa in commercio sulle principali piattaforme online (Winelivery e Amazon). Fiero & Tonic è ottenuto miscelando vermouth e botaniche italiane, con contenuta gradazione alcolica (14,9% Abv) e nel suo drink principale, il Fiero & Tonic appunto, lo si amalgama con una pari quantità di acqua tonica, andando poi ad aggiungere cubetti di ghiaccio.

 

 

Ci saranno sicuramente tanti sviluppi anche per il mercato italiano, poichè come mostrano le previsioni, il trend di questo settore sta avanzando con una veloce crescita. 

Secondo Marketwatch.com infatti “Si prevede che il mercato globale delle bevande alcoliche RTD raggiungerà un valore di circa 32 miliardi di dollari entro la fine del 2024”.

 

Scopri tanti ready to drink già in vendita su Winelivery!

 

LEGGI ANCHE “IL FUTURO DEL DRINK DELIVERY: qual è?”

 

Fonti
Chilled Magazine