In via dei Cappellari, inserito all’interno del quartiere degli artisti a Roma, c’è un piccolo locale nascosto sottoterra chiamato Argot.

ARGOT è un termine francese che indica un gergo sviluppatosi nel XIII secolo, che divenne famoso nel 1600 come linguaggio parlato all’interno delle corti dei miracoli, ovvero luoghi in cui i mendicanti si ritrovavano e che, grazie alla disinibizione data dall’alcol, perdevano i loro handicap che avevano di giorno e che li aiutavano ad essere considerati come mendicanti a cui fare l’elemosina.

 

 

Argot prende spunto dalla corte dei miracoli parigine per l’ambientazione e per l’accoglienza, ma eliminando l’aspetto malavitoso e creando un secret bar intimo ed ospitale nel cuore di Roma.

 

Il locale romano nasce dall’idea di Gabriele Simonacci, Francesco Bolla e Gianluca Melfa, con il prezioso aiuto del barman Edoardo Arcesi, che hanno creato questo concept bar con una proposta che si ispira al pre-proibizionismo. 

 

 

Il locale è arredato con oggetti particolari e di recupero, per esempio il bancone del bar è stato fatto su misura dal tecnico teatrale di Modena Gianluca Bolla, che ha rimesso a nuovo un palco adibendolo a banco bar personalizzato. 

 

 

Ogni venerdì sera la musica live suonata al pianoforte non può mancare!

 

Per accedere ad Argot, essendo un club Arci, è necessario stipulare una tessera di soli cinque euro, diventando così soci annuali del secret bar.

 

 

 

Passiamo ora alla degustazione dei drink!

 

Il menù del locale trae sua ispirazione dalla storia dell’alcol e dall’uso medico che se ne faceva fino al 700’, proponendo dei twist on classic in un menù davvero divertente! 

 

Hai paura dell’acidità? Hai paura dei baffi? Hai paura degli specchi? Non c’è problema tutte queste simpatiche ed originali paure hanno un rimedio: il drink che ti prescrive Argot come “soluzione medica” 🙂 

 

 

Il primo drink assaggiato infatti ti risolve l’ertrofobia, ovvero la paura del rosso 🙂 Da assumere cinque gocce diluite due volte al giorno per tre giorni, dice il preciso barman Edoardo. Il drink che ti propone per risolvere questa paura si chiama “Scarlet Carson”! 

 

 

INGREDIENTI “SCARLET CARSON” DRINK:

Gin infuso in lapsang the

China Martini

Bitter Martini 1872

Infusione con liquore di nocciole, caffè e fragole a bassa temperatura

 

AVVERTENZE: appare tutto rosso alla vista, l’episodio può durare poco e ore. Stai attento dunque!

 

Per la paura dei baffi invece ti consiglio di provare il cocktail “Mustach”, con un trattamento perseguito per un periodo non inferiore ai 30 giorni salvo diversa prescrizione 🙂 

 

 

INGREDIENTI “MUSTACH” DRINK:

Vodka 42 Below

Riso al pistacchio infuso

Sciroppo di orzata

Succo di limone

Albume

 

AVVERTENZE: ipersensibilità individuale accertata nella zona tra naso e bocca. 

 

Infine, chiudo il tour delle prescrizioni mediche per i miei potenti malesseri, con il drink “Mirror sour” per curare la spettrofobia, ovvero la paura degli specchi. Si consiglia di assumere il farmaco due volte al giorno trascorse non oltre tre ore dal pasto.

 

 

INGREDIENTI “MIRROR SOUR” DRINK:

Bombay dry gin

Acqua acidificata (gusto del lime eliminando il colore)

Sciroppo semplice

Perle d’argento commestibili

 

AVVERTENZE: troppa assunzione può provocare una visione di se stessi di fronte.

 

Divertente questo menu no? Ti consiglio di farci due risate in compagnia dei tuoi amici, Argot ti aspetta! 

 

 

 

Argot

Via dei Cappellari, 93, 00186 Roma RM

Telefono: 333 768 6847

 

Consigliato per: DOPO CENA

Tipologia e prezzi locale: SECRET BAR 💰💰

 

VALUTAZIONE COMPLETA BAR

 

SCOPRI GLI ALTRI LOCALI A ROMA QUI!